In Kenya, il Covid-19 non ha fermato il progetto Coltivare il Futuro – Modelli di filiere agricole eco-sostenibili per le zone aride, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e  implementato da CELIM Milano, Ipsia Kenya e dal partner locale Laikipia Permaculture Centre.

Pur nel pieno rispetto delle norme nazionali in materia di emergenza, distanziamento sociale e utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, nelle ultime settimane il progetto ha continuato a sostenere gli 11 gruppi agro-pastorali nella contea di Laikipia, gruppi composti prevalentemente da donne.

Sono in corso, tra le altre attività, l’avviamento degli orti comunitari, le coltivazioni di aloe vera, la distribuzione di alveari per la produzione di miele, l’installazione di serre e strutture ombreggianti per la creazione di vivai, l’installazione di recinzioni elettriche ad energia solare per la protezione dei campi dal passaggio di elefanti e altri animali selvatici.

Lo staff del progetto sta inoltre svolgendo visite sul campo e incontri con i leader comunitari e con i rappresentanti della contea di Laikipia in preparazione dei lavori di perforazione e costruzione di quattro pozzi. Gli incontri hanno il duplice obiettivo di definire i lavori di perforazione e di avviare lo sviluppo delle linee guida per l’uso equo e sostenibile delle risorse idriche.

«Il progetto – spiegano i responsabili di CELIM in Kenya – intende dare vita a una serie di iniziative volte a rafforzare le conoscenze tecnico-agricole dei contadini e a sviluppare una serie di attività (trasformazione di prodotti agricoli, ecc.) che aumentano le capacità di resilienza delle comunità locali. Il progetto scommetterà, in particolare, sul potenziamento del settore turistico. La Contea di Laikipia ha grandi potenzialità di questo comparto».