Trekking sulla Via Dinarica
  • Il progetto intende contribuire allo sviluppo turistico sostenibile del Kosovo attraverso la promozione del tratto locale della Via Dinarica (120 km attraverso il Parco delle Montagne maledette), valorizzandone le risorse culturali, storiche e naturali, sostenendo le istituzioni nella governance del settore e creando posti di lavoro a beneficio delle comunità locali

  • 40 imprese kosovare coinvolte

    120 km di sentieri valorizzati

Un lungo percorso tra i monti. La Via Dinarica è una splendida strada che attraversa sette Paesi dei Balcani Occidentali: Slovenia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Montenegro, Albania, Serbia e Kosovo. Combinando una rete di vecchi sentieri di transumanza, strade militari usate in guerra, nuove e vecchie rotte commerciali, si attraversano alte vette, valli ripide, fitte foreste di faggi, laghi alpini e lo spettacolare canyon del fiume Tara, il più profondo d’Europa. 

Naturkosovo, iniziativa promossa da Aics Tirana e realizzata da CELIM e Volontari nel Mondo Rtm, in collaborazione con Club Alpino Italiano, Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico, Associazione italiana turismo responsabile eUtalaya Foundation, coinvolge il tratto della Via Dinarica del Kosovo, situato nella parte nordoccidentale del Paese al confine con Albania e Montenegro che comprende le municipalità di Peja, Decan, Junik. 

Il tratto kosovaro della Via Dinarica si estende per 120 km attraverso il Parco Nazionale delle Montagne Maledette. Il percorso si divide in tre diversi sentieri: il White Trail, molto impegnativo, che attraversa le vette più alte; il Green Trail, che si snoda più a sud attraverso valli, foreste, fiumi e villaggi; il Blue Trail, che segue la costa adriatica fino a sud. La Via Dinarica non tocca solo ambienti naturali incontaminati, ma anche luoghi storici con le tradizionali case dei pastori, le fortezze di pietra e i resti di tracce lasciate nei secoli da illiri, romani, slavi, ottomani e serbi. Si possono ammirare chiese cattoliche, moschee musulmane e monasteri ortodossi.

L’obiettivo è dar vita a un turismo sostenibile che possa promuovere la crescita delle comunità interessate. Il progetto intende lavorare per sviluppare la nascente industria del turismo in Kosovo. La Via Dinarica per l’Unione Europea è il simbolo del recupero di un percorso antico che unisce i popoli balcanici. Il turismo sostenibile è un pilastro delle politiche europee e dell’Agenzia italiana per la cooperazione e lo sviluppo (Aics) in quanto strumento di promozione dell’inclusione sociale delle comunità montane e dello sviluppo economico diffuso.

Nonostante i deboli investimenti nel settore e il forte della pandemia di coronavirus (che ha interrotto i flussi di turisti), i dati ufficiali indicano che il numero di visitatori internazionali che soggiornano nel Paese è aumentato nell’ultimo decennio. L’analisi effettuata in quest’area ha però messo in evidenza che è necessario rispondere ad alcuni bisogni prioritari: la mancanza di competitività del turismo montano kosovaro rispetto agli altri paesi della Regione; le carenze istituzionali nella pianificazione territoriale e nella promozione turistico-ambientale; l’offerta turistica scarsamente strutturata e qualificata. Il progetto si concentrerà quindi su potenziamento dei percorsi naturalistico-culturali, assistenza alle istituzioni locali, promozione dell’imprenditoria locale e comunicazione.

Il progetto in sintesi

L’intervento si sviluppa attraverso attività in quattro settori:

  1. Potenziamento percorsi naturalistico-culturali del tratto kosovaro della Via Dinarica: miglioria dei sentieri naturalistici, promozione di percorsi tematici integrati).
  2. Rafforzamento istituzionale: istituzione di un sistema di soccorso alpino, assistenza tecnica alle municipalità locali nella pianificazione territoriale e nella promozione turistico-ambientale; scambio di esperienze e buone pratiche con altre iniziative realizzate/in atto negli altri territori della Via Dinarica.
  3. Promozione imprenditoria locale: pianificazione e implementazione di un programma di sovvenzioni per il miglioramento dei servizi turistici attraverso la costituzione del Fondo di dotazione “Via Dinarica-Kosovo” a favore di micro e piccole imprese locali operanti nel settore, formazione tecnico-professionale per operatori nei settori del turismo sostenibile.
  4. Comunicazione e branding: inclusione del brand “Via Dinarica-Kosovo” nei circuiti turistici già esistenti a livello regionale ed europeo, realizzazione di una campagna sul marchio turistico “Via Dinarica-Kosovo” per informare utenti locali e internazionali sui servizi turistici e i percorsi naturalistici e culturali offerti, iniziative di informazione e sensibilizzazione su biodiversità e patrimonio naturale della Via Dinarica, realizzazione di una conferenza a livello nazionale a chiusura dell’iniziativa.

I beneficiari

1) 8 istituzioni

  • Livello centrale: ministero del Commercio, imprenditoria e industria – Dipartimento del Turismo; ministero per le Infrastrutture e l’Ambiente; ministero degli Enti locali; ministero della Cultura, giovani e sport; Kosovo Environmental Protection Agency (ministero dell’Ambiente); Kosovo Forest Agency (ministero dell’Agricoltura, foreste e sviluppo rurale); Kosovo Agency for Emergency Management; Autorità di gestione del Parco Nazionale di Bjeshket e Nemuna.
  • Livello locale: municipalità di Peja, Junik, Decan; Destination Management Organisation (West of Kosovo)

2) 40 imprese sul tratto kosovaro della Via Dinarica

  • Tour operator e guide di montagna
  • Piccole imprese attive nel campo della ristorazione e dell’ospitalità
  • Piccole aziende di produzione e/o trasformazione di prodotti agro-alimentari e artigianali tipici locali

3) 26 gruppi della società civile

  • Kosovo Mountaineering and Alpinists Federation
  • Kosovo Mountain Rescue Service
  • Outdoor Clubs attivi in prevalenza nella West Region (associazioni di alpinisti, escursionisti, sport di montagna, bikers, ecc.)
  • Associazioni ambientaliste attive in prevalenza nella West Region
  • Gruppi di bambini e giovani coinvolti nel percorso di sensibilizzazione su biodiversità e patrimonio naturale della “Via Dinarica-Kosovo”
  • Mi chiamo Alessandro Salimei e sono il responsabile progetti di CELIM
  • Titolo del progetto
    Naturkosovo. Turismo sostenibile in Kosovo

    Responsabile del progetto
    Alessandro Salimei, [email protected] 

  • Date
    giugno 2022-maggio 2025

    Partner
    – Volontari nel Mondo – Rtm
    – Club Alpino Italiano
    – Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico
    – Associazione italiana turismo responsabile
    – Utalaya Foundation

Finanziatori del progetto

Sostieni il progetto

  • 30 €

    Fornisci cartellonistica e segnaletica per i sentieri

  • 50 €

    Acquisti un kit di dispositivi di protezione personale per ranger, forestali e corpi di pronto soccorso alpino

  • 100 €

    Garantisci attrezzature per il trasporto feriti per il pronto soccorso alpino

  • 200 €

    Assicuri apparati elettromedicali trasportabili per il pronto soccorso alpino

Le donazioni online avvengono tramite PayPal: cliccando sull'offerta prescelta verrai reindirizzato alla pagina PayPal in cui potrai concludere la tua donazione.
Per altre forme di donazione visita la pagina DONARE A CELIM >
La tua donazione è deducibile/detraibile. Per ogni altro dubbio visita la sezione DOMANDE >
News correlate